Vai al contenuto

DESCRIZIONE DEL FONDO

Il fondo Piccinelli, conservato oggi nell’archivio storico comunale, è un fondo molto composito e vario. La sua consistenza totale è di 2.717 documenti, così suddivisi:

  • 36 cinquecentine
  • 335 volumi antichi editi tra il 1600 e il 1830
  • 2.039 volumi moderni (stampati dopo il 1830)
  • 135 carte geografiche (stampate a cavallo tra il XIX e il XX secolo)
  • 70 stampe
  • 4 carteggi
  • 8 articoli di giornale
  • 2 inventari topografici manoscritti (maggio 1950)
  • 88 ritratti fotografici

La catalogazione

Il fondo è stato catalogato nel 2001 ad opera della società cooperativa COPAT, seguendo le regole internazionali ISBD sia per la documentazione moderna che per quella antica. Le fotografie invece sono state catalogate e digitalizzate nell’ottobre del 2005 da Chiara Cavelli.

Purtroppo a oggi non è più possibile consultare il catalogo informatico creato dalla COPAT. Gli unici strumenti bibliografici rimasti a disposizione per lo studio del fondo sono la stampa del catalogo COPAT relativo solo alle edizioni moderne successive al 1830, un elenco dattiloscritto delle cinquecentine, il registro cronologico d’ingresso della biblioteca del 1968 e i due inventari topografici manoscritti del 1950 in cui il dottor Piccinelli ha elencato i suoi libri così come erano ordinati nelle quattro librerie del suo studio.

Gli inventari compilati dal dottor Piccinelli nel maggio 1950

Le vicende di formazione

Non sappiamo in quali proporzioni la composita biblioteca del dott. Piccinelli sia stata da lui formata o ereditata. Alcuni libri e romanzi appartenevano probabilmente alla moglie Ada, mentre i molti volumi e opuscoli di argomento medico erano sicuramente del dottore, così come diversi romanzi. Per quanto riguarda le cinquecentine e gli esemplari del Sei-Settecento è probabile che in parte appartenessero a membri della sua famiglia (il cognome Piccinelli compare infatti in alcuni volumi), mentre diverse note di possesso ed ex libris forniscono informazioni su precedenti possessori.

Scopri i tesori conservati nel fondo Piccinelli